BUDAPEST DELLE MERAVIGLIE, COSA VEDERE IN DUE GIORNI

Budapest è stata davvero una piacevole scoperta, una meravigliosa città capace di regalare viste mozzafiato. Una città a misura d’uomo e allo stesso tempo ricca di monumenti e attrazioni degne delle città più grandi. Con le sue terme , il suo Bastione dei Pescatori e le passeggiate lungo il Danubio è di sicuro una delle città più belle che io abbia mai visitato. La città si divide in due parti separate dal Danubio. La parte alta chiamata Buda, un tempo veniva considerata la parte più ricca. La parte bassa chiamata Pest, invece, oggi è la zona più popolata e offre una vivace vita notturna.

budapest

Budapest, dove dormire

Dove dormire a Budapest? La città è molto economica, ideale per 2 giorni brevi ma intensi. Su www.booking.com ho trovato uno degli alloggi più particolari mai visti, il VVP Theme Aparthotel. Ogni camera di questa struttura segue un tema speciale in base al quale è arredata. Si tratta di mini appartamenti col letto su soppalco, molto comodi e confortevoli. I prezzi per un pernottamento a Budapest sono oltre che economici anche di alta qualità.

Se arrivate la sera consiglio di andare a bere e mangiare qualcosa nel vicino Szimpla Kert, un locale che io ho chiamato “Berlin style“. Si trova all’interno di un vecchio edificio, come tanti locali della vecchia Berlino est. Si mangia, si beve e si balla. Il locale è situato nel quartiere ebraico, dove sono presenti tanti altri locali molto interessanti.

Ovviamente noi volevamo visitare anche la città e non solo fare festa, quindi la mattina seguente ci siamo svegliati presto per fare colazione e andare alla scoperta della città. Anche per Budapest, come per tutti i nostri brevi viaggi leggiamo spesso i consigli della lonely planet tascabile. Al suo interno contiene sempre tante info utili e la cartina della città con la quale potersi spostare al meglio.

Bastione dei Pescatori

Il primo giorno lo abbiamo dedicato a visitare la città. Dal Ponte delle Catene siamo saliti a piedi fin sopra il Palazzo Reale e poi nella terrazza del Bastione dei Pescatori, dalla quale si gode di una magnifica vista sulla città. Davanti al bastione si trova la Chiesa di Mattia, uno dei tanti capolavori in stile gotico da vedere a Budapest. Il biglietto di ingresso costa € 7 circa. Se vi dovesse capitare di andarci in autunno fate un salto al viale alberato ( Toth Arpad Promenade), nella zona opposta al Bastione, rimarrete affascinati dallo spettacolo dei colori autunnali.

Terme Gellert

Il pomeriggio prometteva abbastanza bene per una visita alle tante terme, per le quali Budapest è così famosa. Dando uno sguardo su vari siti, abbiamo optato per andare alle terme Gellert. Sono state quelle che ci hanno colpito di più. All’arrivo, infatti, le nostre aspettative non sono state deluse, l’edificio sembra seriamente quello di una cattedrale. Il biglietto d’ingresso è di 17 € a persona compreso di cabina in cui cambiarsi. Le terme sono dotate anche di docce che potrete utilizzare tranquillamente. Offrono anche il servizio di affitto costume o telo, ma vi consiglio di portarvi tutto da casa, prodotti da toilette compresi.

Cosa magiare a Budapest?

Budapest è sicuramente uno dei post in cui ho mangiato meglio. Sarà che adoro provare sempre la cucina tipica dei luoghi che visito o sarà che qui si mangia davvero bene. Passeggiare in città significa perdersi anche ad ammirare le vetrine dei locali e dovrete approfittarne per assaggiare uno dei piatti tipici, la zuppa di Goulash. La sera vi consiglio di fermarvi in uno dei mercatini di Natale, come quello in piazza Deak Ferenc. Lì troverete tantissimi e gustosi piatti di carne, come il pollo speziato con patate e funghi e il nostro amatissimo Goulash.

Da provare sicuramente sono i Langos, uno dei tanti piatti tipici della tradizione ungherese. Si tratta di una sorta di pasta fritta, come una grande frittella, da condire a piacimento. Potrebbe sembrare una pizza, ma in realtà l’intreccio di sapori è molto diverso.

Passeggiare per la città è sicuramente il modo migliore di conoscerla, anche quando si ha poco tempo a disposizione e dopo un breve sguardo al Duomo di Santo Stefano, siamo arrivati al Café Gerbeaud, una delle più rinomate caffetterie di Budapest. A mio avviso un po’ deludente, è un cafè come tutti gli altri, servono torte e anche vari piatti sia per pranzo che per cena, ma posso assolutamente affermare che ci sono posti migliori a Budapest. Non lasciatevi ingannare dalle apparenze! Nella piazza in cui si affaccia il Café, si trova anche uno dei mercati di Natale più grandi in cui mangiare qualcosa di tipico direttamente dai chioschi, la scelta è vastissima, ma noi abbiamo voluto riprovare il Gulasch , servito su un grande panino senza mollica, che faceva da piatto. Ottimo!!!

La grande sinagoga

La nostra seconda giornata ci ha portati nel quartiere ebraico, visita alla grande sinagoga. Con un biglietto di circa € 5,40 abbiamo potuto usufruire anche della guida in italiano, che è stata davvero bravissima. Una volta fatto il ticket dovrete semplicemente entrare all’interno dove troverete i banchi, a fianco ai quali ci sono dei cartelli con le varie bandiere a seconda della lingua. Non dovrete far altro che cercare la bandiera italiana e accomodarvi, le visite generalmente vengono fatte ogni ora e durano più o meno 40 minuti.

Dopo la visita potrete fare una bella passeggiata nel quartiere ebraico da cui poi potrete raggiungere a piedi il mercato centrale di Budapest (in ungherese Nagycsarnok ), al cui interno ci sono una miriade di colori e profumi. Qui potrete assaggiare i rinomati Langos.

Parlamento ungherese

Tra le cose da vedere a Budapest c’è il Parlamento ungherese e consiglio di prenotare la visita online prima della vostra partenza. Il ticket costa € 17 e anche stavolta è compresa la visita guidata in italiano che dura all’incirca un’ora. Dopo questa interessante visita, lungo il tragitto che porta al Ponte delle Catene, sulle rive del Danubio, abbiamo trovato per caso uno dei tanti monumenti presenti a Budapest. Ricordano le vittime dell’Olocausto attraverso un gruppo scultoreo che rappresenta delle scarpe a ricordare il massacro di tanti cittadini ebrei durante la seconda guerra mondiale.

Budapest è una di quelle città che mi ha conquistata dal primo momento e vorrei tornarci di sicuro per un weekend, ve la straconsiglio sopratutto a ridosso del periodo natalizio!!!

Se volete saperne di più sul mio viaggio a Budapest scrivetemi all’indirizzo mail: iviaggidipolly@gmail.com oppure seguitemi su Instagram per vedere più contenuti https://www.instagram.com/iviaggidipolly/.

Ciao a tutti, mi chiamo Marta, mi definisco un'instancabile sognatrice, con la passione dei viaggi zaino in spalla e una gran voglia di vivere e scoprire. Vi racconterò della Sardegna e dei mie viaggi nel mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: