COSA VISITARE A VENEZIA IN 3 GIORNI

venezia

Cosa visitare a Venezia in 3 giorni? Ammetto che sono davvero pochi per una città così bella e che ha tantissimo da offrire. Se non avete tantissimo tempo, in questo nuovo articolo troverete un breve itinerario per visitare almeno una piccola parte delle sue bellezze. Sarà sicuramente bello perdersi nei labirinti dei suoi vicoli e canali.

Tra un canale e l’altro, un ponte e un sestiere, vi ritroverete circondati da un’immenso splendore. La sua storia affascina e la sua gente è tra le più simpatiche ed ospitali. Non c’è angolo in cui fermarsi ad ammirare gli antichi palazzi col naso all’insù e non c’è occasione che non capiti di fare una chiacchierata con la gente del posto, sempre molto gentile e cordiale.

ponte dei sospiri

Con Venezia è stato davvero amore a prima vista, molto meglio delle foto che ho sempre visto, molto meglio di qualsiasi aspettativa. Immaginavo una grande città, ormai adattata ai nostri tempi moderni, invece, ho trovato una cittadina fortemente ancorata alla vita isolana. Si perché Venezia è una grande isola, in cui la vita scorre ancora lenta e in cui le persone si conoscono tutte, proprio come accade nei piccoli paesi. Qui non esistono ovviamente auto e le persone si conoscono tutte, perché spostarsi a piedi è il modo migliore di muoversi in città.

gondola venezia

La storia di Venezia ha portato i veneziani ad essere un popolo di mondo, qui infatti, sono stati di passaggio vari popoli nel corso dei secoli, che hanno lasciato un’impronta nell’essenza di questa città. Gli antichi palazzi raccontano storie di un passato rigoglioso, in cui Venezia era una tra le repubbliche marinare di maggior pregio.

Ma quindi cosa visitare assolutamente in 3 giorni, in una città così ricca di bellezza?

Visitare Venezia

Prima di partire dovete sapere che Venezia è divisa in sei sestieri, che sarebbero i quartieri, ognuno con una sua particolarità. In base al vostro interesse vi consiglio un alloggio in centro, per potervi spostare sempre a piedi e non essere vincolati dagli orari dei mezzi di trasporto. Castello è la zona che noi abbiamo scelto per il nostro hotel, prenotato su booking a un prezzo davvero vantaggioso, qui trovate il link della struttura https://www.booking.com/hotel/it/rio-del-piombo-apartments.it. Oltre alla vicinanza a tutte le attrazioni, è un hotel davvero carino, arredato in stile veneziano, molto silenzioso e comodo se si ha poco tempo da passare in città.

Molto vicino alla Pasticceria Ponte delle Paste, per un’ottima colazione in una location molto carina. Si tratta di un’antica pasticceria che sorge su un ponte, un tempo occupato da un mulino e si distingue per i prodotti fatti in casa e freschi di giornata. Un bel modo di iniziare la giornata!

hotel rio del piombo venezia
colazione a venezia

Proprio nel vicolo dietro l’hotel, si trova la piccola Osteria al Portego, frequentata soprattutto da gente locale in cui fare un aperitivo a base dei buonissimi e tipici cicchetti veneziani, accompagnati dal classico spritz. Il locale offre anche piatti ottimi a prezzi modici.

cicchetti

Potete mangiare a prezzi davvero economici, nonostante abbia sempre sentito dire che Venezia è cara, in realtà non lo è e si trovano tanti piccoli localini dove mangiare bene e spendere poco. I locali più cari sono sicuramente quelli situati davanti ai luoghi di maggiore interesse turistico, che vi consiglio di evitare se avete un budget ridotto.

Primo giorno

Partendo dall’hotel la prima tappa è sicuramente il Ponte di Rialto, stupefacente per la sua bellezza, non perdete la passeggiata al tramonto, dal punto più alto si può osservare un tramonto spettacolare. Perdetevi nelle vie di Venezia, non serve sempre avere un itinerario prestabilito, a volte è bello scoprire senza stare attaccati a una mappa. I canali vi condurranno in luoghi insoliti e non smetterete di ammirare i palazzi storici col naso all’insù.

ponte rialto

Immancabile è poi il bellissimo giro in gondola lungo i canali, per visitare la città da un’altra prospettiva. Starete pensando “si ok, ma costa un rene”, in realtà devo sfatare un altro mito, il giro in gondola costa molto meno se fatto nelle prime ore del mattino ed è sicuramente molto più tranquillo che farlo la sera. La calma che si respira a Venezia al mattino, permette di godersi appieno il giro, senza il caos delle ore più affollate.

giro in gondola

Secondo giorno

Ci sono talmente tante cose da visitare a Venezia che è davvero difficile scegliere cosa fare visto il poco tempo a disposizione. Non si può tralasciare una visita accurata della Cattedrale di San Marco e del Palazzo Ducale, entrambi di estrema bellezza e presi d’assalto a qualsiasi ora del giorno. Vi consiglio di prenotare in anticipo i biglietti e presentarvi di buon mattino per fare la fila. Visitate prima la Cattedrale e poi il Palazzo, che essendo più grande ha bisogno di maggior tempo. Resterete affascinati da ogni suo angolo, di una bellezza stupefacente.

piazza san marco
palazzo ducale
interno palazzo ducale

Una mattinata è più che sufficiente per visitarli entrambi e se nel pomeriggio non siete troppo stanchi, ma volete scappare dal caos della città, un’ idea può essere quella di andare a Burano. Prendere il vaporetto che dal Ponte di Rialto vi porta a Fondamente Nove e proseguite con la linea 12, in quaranta minuti arriverete in questa scenografica isola.

burano

Burano è famosissima per essere stata un’isoletta di pescatori e oggi vanta una ricca tradizione del merletto. Le casette colorate e i piccoli canali, le donano un aspetto fiabesco, in cui il silenzio fa da padrone, nonostante sia un’isola molto turistica.

Se avete più tempo, sarebbe ideale dedicare almeno un giorno intero a visitare tutte le isole, comprese Murano, conosciuta per la lavorazione del vetro e Torcello. Esiste un biglietto cumulativo per le tre isole e le escursioni partono solo la mattina.

Terzo giorno

L’ultimo dei tre giorni potrebbe essere dedicato alla visita di luoghi insoliti e poco turistici, spesso anche nascosti e poco conosciuti. Un breve itinerario che vi farà scoprire angoli davvero caratteristici.

La mattina iniziate con la visita alla libreria più affascinante della città, Libreria Acqua Alta. All’apertura potete stare certi di averla tutta per voi e avrete il tempo necessario per visitarla con calma prima dell’invasione. Io adoro i libri e questo è un piccolo paradiso per gli amanti della lettura, oltre ad essere un posto super instagrammabile. Tra i tanti scaffali e le gondole, avrete modo di scovare qualche libro che catturerà la vostra attenzione.

libreria acqua alta

Camminando a piedi dalla libreria verso Piazza San Marco raggiungerete la Scala Contarini del Bovolo, la cui visita è possibile solo previa prenotazione online. Questa scala a chioccola è uno dei gioielli nascosti di Venezia e dalla cui cima ammirerete una vista panoramica stupenda sulla città.

scala contarini del bovolo

In direzione del Campo Santi Apostoli e percorrendo la Strada Nova sino alla fine, troverete sulla destra la vecchia insegna del Teatro Italia, un antico teatro adibito oggi a supermercato. Tra uno scaffale e l’altro potrete fare la spesa nello scenario unico di un vecchio cineteatro.

teatro italia

Proseguendo verso destra all’uscita dal teatro, vi troverete in 5 minuti nel Ghetto Ebraico di Venezia, una tappa fondamentale per conoscere una parte di storia veneziana. Sulla piazza principale si trova anche il Museo Ebraico, che offre anche visite guidate alla vicina Sinagoga. Per finire deliziate il palato con i dolcetti a base di mandorle tipici della pasticceria ebraica.

sinagoga venezia
quartiere ebraico venezia

Forse 3 giorni per Venezia non sono abbastanza, se non altro avrete voglia di tornarci ancora, per scoprire nuovi angoli di una delle perle più belle d’Italia.

Ciao a tutti, mi chiamo Marta, mi definisco un'instancabile sognatrice, con la passione dei viaggi zaino in spalla e una gran voglia di vivere e scoprire. Vi racconterò della Sardegna e dei mie viaggi nel mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: