ITINERARIO DI UN GIORNO TRA BESSUDE, BANARI E SILIGO

siligo panoramica

Ci sono luoghi in Sardegna di cui spesso nessuno parla. Stavolta vi porto a scoprire una zona davvero poco conosciuta del Meilogu, in un itinerario di un giorno tra Bessude, Banari e Siligo.

Si tratta di una zona vulcanica, in cui antichi vulcani hanno modellato il paesaggio e reso il territorio unico per la sua morfologia. I monti più alti sono, infatti, dei vulcani spenti e i suoli sono tra i più fertili.

In un territorio storico e geologico così rilevante, si trovano piccoli paesini che ci riportano indietro ad antiche tradizioni e alla vita lenta che solo i piccoli centri sanno ancora regalare.

Una giornata diversa a scovare nuovi angoli di Sardegna, per conoscere nuovi posti e trascorrere momenti immersi tra la natura, dove il tramonto dura più a lungo.

Bessude

Non so voi, ma io adoro i piccoli paesi come Bessude, sembrano fatti per ricordarci che la vita è davvero fatta di piccole cose, di brevi momenti felici che ci fanno capire quanto siamo fortunati. Qui non c’è nemmeno bisogno di spostarsi in macchina, se non per uscire al di fuori del paese.

Questo piccolo centro di circa 400 abitanti si presenta al visitatore come una manciata di case le une vicine alle altre. Tra le sue vie si possono ammirare i murales di artisti da tutto il mondo, che sono arrivati qui intorno agli anni Novanta. Bessude ormai conta pochissimi giovani, che lavorano nei centri vicini più grandi, mentre la gran parte degli abitanti è composta perlopiù da anziani.

bessude centro
bessude murales

Le bellezze storiche di Bessude, comprendono anche tre antiche chiese. Al centro del paese di erge quella di San Martino, con la sua imponenza e l’antico campanile, dedicata al santo patrono. La chiesa di Santa Croce si distingue, invece, per la sua eleganza e viene utilizzata occasionalmente per il culto o per mostre e altri eventi. Dove sorgeva il vecchio cimitero si erge invece la chiesa di San Leonardo, di origine medievale.

chiesa san martino bessude
chiesa santa croce bessude

Bessude è conosciuta nel Meilogu anche per la sagra de sos ciciones e sa mendula bellinda, che costituiscono due tipiche specialità. Sos ciciones, pasta tipica lavorata a mano, vengono prodotti in tanti paesi, ma quelli di Bessude sono famosissimi per le loro piccole dimensioni. Sa mendula bellinda, invece, è un dolce a base di mandorle pelate e tostate, amalgamate insieme a zucchero, acqua e scorza di limone. Queste due prelibatezze vengono preparate ancora oggi in occasione di matrimoni o feste e la loro tradizione è motivo di orgoglio per gli abitanti del paese.

sos ciciones

Banari

Tra gli altipiani di trachite rossa sorge Banari, in cui la bellezza naturalistica si perde tra fiumi e sorgenti. La sua origine medievale, ne fa un centro davvero caratteristico, proprio per questo motivo fa parte dei borghi autentici d’Italia. Banari vanta un ricco patrimonio artistico e naturalistico e potrete godere di passeggiate immersi nella natura a pochi passi dal paese.

banari centro

Una volta lasciata la macchina all’ingresso del paese, non dovrete fare altro che lasciarvi guidare dalla vostra voglia di scoprire. Le viuzze e la trachite rossa lo rendono incantevole al punto tale da enfatizzare la sua anima medievale.

centro banari

Antichi palazzi carichi di storia come il comune e la piazza principale, oppure la Chiesa di San Lorenzo Martire. Quest’ultima edificata nel XIII secolo con rifacimento della facciata in stile neoclassico e donata insieme alla Chiesa di San Michele all’ordine dei monaci camaldolesi. La via parallela sopra la chiesa vi condurrà a uno dei percorsi naturalistici di Banari.

parrocchia san lorenzo banari
banari percorso naturalistico

Siligo

Siligo sorge tra i crateri vulcanici del Meilogu e i suoi poco più di 900 abitanti sono parte integrante della cultura di questo piccolo paese. Qui sono nati e cresciuti alcuni dei personaggi di spicco della cultura sarda come Gavino Ledda, autore di “Padre Padrone” e “Maria Carta“, nota autrice e interprete di musica popolare sarda. A lei è stato dedicato anche un bellissimo museo che conserva la memoria di un’artista poliedrica. A Siligo è legato anche un altro personaggio di spicco, legato per origine al paese, Francesco Cossiga, l’ottavo Presidente della Repubblica.

murale maria carta

Passeggiare per Siligo significa anche rivivere le scene del film tratte dal romanzo Padre Padrone, nonostante la modernità abbia fatto il suo corso. Le case basse e fiorite, il silenzio e la tranquillità, ne delineano il carattere del tipico paesello sardo, dove gli anziani si incontrano ancora nelle piazze del paese e dove la vita procede lenta.

siligo centro
pilarda siligo

Nonostante sia un paese molto piccolo, Siligo ha un’offerta culturale abbastanza variegata. Oltre al museo di Maria Carta, consiglio una visita anche al Planetario e all’Osservatorio astronomico, anche se è necessario informarsi prima e accertarsi sugli orari e giorni di apertura e chiusura.

Un’altra attrattiva è anche la Chiesa di Nostra Signora de Musumundu, nota anche Chiesa Santa Maria di Bubalis, un grandissimo esempio di architettura medievale. Rappresenta uno dei più antichi luoghi di culto in Sardegna e sorge su antiche terme romane. I resti ritrovati del corredo funebre, fatto di monili in oro e argento, ne attestano la fase bizantina, mentre nel XI-XII secolo questo luogo ospitò presumibilmente un monastero.

chiesa nostra signora mesumundu

La sua forma circolare la rende molto particolare, oltre che per la tecnica opus listatum, utilizzata per la sua costruzione, che alterna filari di mattoni rossi a piccole pietre di basalto scuro. I suoi due nomi la rendono ancora oggi misteriosa e oggetto di studi. Non deve assolutamente mancare una tappa in questo luogo magico.

Ciao a tutti, mi chiamo Marta, mi definisco un'instancabile sognatrice, con la passione dei viaggi zaino in spalla e una gran voglia di vivere e scoprire. Vi racconterò della Sardegna e dei mie viaggi nel mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: