ORROLI, COSA VEDERE NELLA TERRA DEI LAGHI

orroli flumendosa

Cosa vedere nella “terra dei laghi”? Nel territorio del Sarcidano, si trova il piccolo paese di Orroli, che vi stupirà per i paesaggi immersi nel verde, ricchi di archeologia e cascate. Un paradiso per gli amanti del trekking e delle escursioni rilassanti cullati dalla natura.

Orroli, cosa vedere

Il borgo autentico di Orroli si trova nella sub-regione del Sarcidano, avvolto dai laghi Mulargia e Flumendosa, che rendono il territorio un meraviglioso parco naturale, ricco di cascate, grotte e gole.

Nel centro storico potrete visitare alcune dimore padronali, costruite con lo stile tipico del campidano, fatte di pietra e con grandi portali che si aprono su cortili storici. Un vero gioiellino dell’entroterra sardo dove perdersi a fare due chiacchiere coi suoi abitanti o dedicarsi alla scoperta delle tradizioni.

orroli
orroli
orroli

Non perdetevi assolutamente una visita al panificio più instagrammabile della Sardegna, al Nuraghe Arrubiu, alle Cascate e al Parco Su Motti per scoprire le tante domus de janas.

Panificio Kentos

Il Panificio Kentos accoglie il visitatore all’interno di un cortile che nel suo allestimento racconta l’antica tradizione della panificazione. Cestini, vecchie bilance e pesi per raccontare con autenticità un pane tanto semplice quanto speciale, che ancora oggi conserva la ricetta tradizionale.

panificio kentos
panificio kentos orroli

In un territorio da secoli favorevole alla coltivazione di cereali la famiglia del panificio Kentos coltiva ancora il grano del “Senatore Cappelli”. Una qualità molto pregiata per un grano dalle eccezionali proprietà nutrizionali, che grazie alla sua purezza offre sapori ormai dimenticati.

Lievito madre naturale, cottura nel forno a legna, panificazione tradizionale fatta dalle donne e tramandata di madre in figlia, sono i punti di forza di Kentos, il pane dei centenari. Il nome, infatti, deriva dal detto “a chent’annos”, a cento anni, a garantire la longevità grazie alla genuinità di questo pane, fatto come un tempo.

pane kentos
pane kentos

Nel loro sito web potrete scoprire i diversi tipi di pani e se volete potrete visitare direttamente il loro laboratorio e lasciarvi incantare dal profumo del pane http://www.kentosardegna.it/.

Nuraghe Arrubiu

Il Nuraghe Arrubiu è conosciuto anche come il Gigante rosso per via delle sue proporzioni e dei licheni che colorano le sue pietre. Potrebbe essere considerata la struttura protostorica più imponente in Europa, non a caso, si erge in una zona vicino a Orroli strategicamente molto importante.

 Nuraghe Arrubiu

Probabilmente la sua imponenza era data dal fatto che si pensa avesse un forte potere economico per il territorio circostante. Lo si può affermare sia per la struttura, che per i due silos posti nel cortile interno che potevano contenere quintali di derrate alimentari.

 Nuraghe Arrubiu

Questo nuraghe è anche l’unico in Sardegna ad essere conosciuto con 5 torri, costruite peraltro in maniera abbastanza singolare. Non ritroviamo più la classica costruzione con i blocchi disposti in orizzontale, ma in verticale, in modo da creare delle feritoie attraverso gli stessi blocchi. Feritoie che servivano forse a far entrare la luce all’interno delle torri. Una di queste doveva essere il panificio, per il rinvenimento di due piastre di cottura in argilla arrossata dal calore, un focolare, decine di macine per la molitura dei cereali, oltre che altri utensili.

 Nuraghe Arrubiu

Resterete stupiti per la sua bellezza e la sua storia davvero molto coinvolgente, pensate che qui i romani vi fecero un laboratorio per la lavorazione del vino. Inoltre, sono state ritrovate ceramiche importate dal Peloponneso a testimoniare il fatto che i nostri antenati avessero contatti con la civiltà micenea.

Non dovete quindi perdervi assolutamente la visita guidata a questo prezioso gioiello della nostra storia. Il sito è aperto tutti i giorni dell’anno dalle ore 9:30 all’imbrunire, il biglietto intero costa € 5,00 e la visita guidata dura circa un’ora.

Parco Su Motti

Il vicinissimo Parco su Motti è la meta giusta se amate gli itinerari semplici alla scoperta dell’archeologia. La strada panoramica nella parte alta del paese vi condurrà direttamente all’accesso più facile per accedere al parco. Lasciate la macchina non appena trovate la pietra con la scritta Parco Su Motti e prendete il sentiero di fronte a voi. Camminate per qualche minuto fino a quando non incontrate un masso gigante alla vostra sinistra, due passi più avanti troverete l’ingresso sulla destra.

parco su motti
parco su motti

Il parco immerso completamente nella campagna orrolese è ben noto per ospitare una quindicina di domus de janas, che sono tra le testimonianze di vita umana più antiche in Sardegna.

I Flumendosa e la Cascata Su Sciuscìu

Vicino ad Orroli si trova anche il lago del Flumendosa, uno dei più affascinanti di tutta l’isola, originato da dighe per la la produzione di energia e l’irrigazione nel Campidano. Ne resterete davvero affascinati per la meravigliosa bellezza dei paesaggi da scoprire durante i trekking, le gite in battello o il viaggio col Trenino Verde ( vedi anche IL TRENINO VERDE, A SPASSO CON LAWRENCE).

flumendosa

Conoscere il territorio attraverso gli occhi esperti delle guide locali, credo sia il miglior modo di visitare un luogo in maniera totale, per immergersi appieno nell’esperienza turistica. Ecco perché vi consiglio Nicola, che saprà guidarvi al meglio per esplorare questi luoghi. Lo trovate su Instagram come Ardoc Adventures (https://www.instagram.com/ardoc_adventures).

Con un salto di circa 200 m, l’affascinate Cascata Su Sciuscìu si riversa nel sottostante lago del Flumendosa. Dal punto più alto godrete di una vista spettacolare sul territorio circostante e potrete dedicarvi a delle semplici passeggiate rilassanti osservando la natura.

cascata sciusciu

Dove dormire?

Uno dei motivi per cui dovete assolutamente visitare Orroli è per soggiornare almeno un notte a Sa Pardina, perché dormire in un letto al baldacchino e svegliarsi con una colazione meravigliosa a base di prodotti locali, è uno dei regali da fare a sé stessi.

sa pardina
colazione sa pardina

Il proprietario, Paolo Schirru, è un giovane di Orroli che ha deciso di investire il suo futuro nella sua terra e nel settore dell’ospitalità. Mi piace parlare dei giovani che ce la mettono tutta e che scommettono su un’isola per tanti versi molto difficile. Paolo è uno dei tanti coraggiosi, che nonostante il periodo che stiamo vivendo, ha deciso di portare avanti la sua attività con grande impegno e orgoglio.

sa pardina orroli
sa pardina

Soggiornare a Sa Pardina è una coccola perfetta per rilassarsi e trascorrere un weekend in un territorio che ha tanto da offrire, da visitare e da sperimentare.

Vi lascio il link al sito https://sapardina.it/.

Ciao a tutti, mi chiamo Marta, mi definisco un'instancabile sognatrice, con la passione dei viaggi zaino in spalla e una gran voglia di vivere e scoprire. Vi racconterò della Sardegna e dei mie viaggi nel mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: